LE FONTI ENERGETICHE NATURALI HANNO UN VALORE INFINITO E NON TERMINERANNO MAI

Print Friendly, PDF & Email

In un periodo storico dove è importante non inquinare l’ambiente e sfruttare risorse naturali per produrre energia elettrica, l’elettricità solare è sicuramente una delle migliori soluzioni. Sono presenti determinate fonti energetiche che la civiltà moderna sta valorizzando e utilizzando, che non hanno mai fine, perché sono del tutto naturali e sfruttano gli elementi puri, come vento, sole e acqua. Ad esempio, proprio l’energia fotovoltaica, ossia quella ricavata dai raggi solari, si sta sviluppando in maniera esponenziale, basta un progetto ben strutturato ed è possibile produrre direttamente elettricità dal sole in modo semplice. Stradal4.it ha inserito nella sua ricerca nuovi progetti per sfruttare gli elementi naturali nella produzione dell’energia elettrica, accantonando definitivamente l’elettricità inquinante.

Il progetto fotovoltaico

Questo progetto per lo sfruttamento e la creazione di energia solare, è molto semplice, infatti prevede di unire ad un telaio due pannelli fotovoltaici, uno per ogni lato di grandezza di metri 10 per 10. Agganciare, inoltre, il telaio ad una corda di qualsiasi lunghezza sospesa fra due pilastri (Fig. 1). Al telaio vengono fissate due molle a spirale, che sono tarate in modo opportuno e unite ad una corda di contrasto con lo scopo di mantenere il più possibile la verticale del telaio ma di consentire la orizzontalità in caso di forte raffiche di vento. Questo sistema è operativo in diversi ambienti e può essere impiantato in differenti aree di riferimento, con rispetto delle strade, dei fiumi, delle ferrovie e tanto altro. l pannelli fotovoltaici possono incrementare del 30% la loro capacità e funzionalità, con l’utilizzo di inseguitori solari. Questo significa che è possibile movimentare i pannelli con un sistema meccanico, idraulico o misto, realizzato appositamente per seguire i raggi del Sole e ottenere maggiore energia di migliore qualità in qualsiasi momento. Quando le strade, i fiumi o altri canali di comunicazione sono troppo stretti, ad esempio nelle strade di campagna, si può utilizzare il sistema (Figura 2), composto da due tralicci laterali e da due travi orizzontali. La corda fissata in alto ha lo scopo di sorreggere i telai, quella fissata in basso, effettua un lavoro di contrasto e serve a mantenere il telaio in verticale.

Come seguono i raggi del sole con questo sistema di movimento?

I movimenti dei pannelli fotovoltaici inseguono letteralmente i raggi solari in sequenza durante le diverse ore del giorno. Ecco come.

 

Figura 1. Una campata di 100 metri composto da 10 telai e venti pannelli fotovoltaici di 10 metri per 10

                       

                             Figura 2. Campata con tralicci laterale

                             

Figura 3. All’alba, quando spuntano i primi raggi solari, i panelli, guidati dagli inseguitori solari, si sollevano fino a raggiungere una posizione ottimale e produrre energia fotovoltaica (Figura 4).

                         

Figura 5. Con l’avanzamento del sole che si innalza nel cielo i pannelli raggiungono la posizione ideale.

 In caso di uragani, il telaio con i pannelli spinti dal vento vincono la resistenza delle molle a spirale, che si dispongono in maniera anti  vento, ossia orizzontalmente, in modo da ridurre la superficie (Figura 6).