METROPOLITANA TRANSURBANA PER RISOLVERE IL PROBLEMA DEL TRAFFICO

Print Friendly

Il traffico sta soffocando le nostre città e, nelle ore di punta, le vie di accesso alle grandi metropoli, siano esse autostrade, superstrade, strade a scorrimento veloce o ferrovie, diventano un vero e proprio incubo per tutti coloro che sono costretti a spostarsi per lavoro da una città all’altra. Tanto il tempo perso nel traffico e notevoli anche le spese a cui vanno incontro i pendolari, ma Strada14, movimento politico in via di costituzione, nel suo programma prevede una soluzione a questo problema con un disegno di legge che preveda la realizzazione di una metropolitana transurbana veloce che consenta i collegamenti tra una città e l’altra. Adottando questo particolare sistema di trasporto, si otterrebbe una diminuzione drastica del numero di vetture circolanti e il consumo di energia per il funzionamento dei treni sarebbe comunque estremamente limitato.

Immagine3

Clicca sull’immagine per ingrandirla.

La metropolitana transurbana che Strada14 vorrebbe vedere realizzata prevede la costruzione di un tunnel sotterraneo, pianeggiante e rettilineo, che colleghi due città vicine. Al suo interno uno o due binari, secondo il movimento di pendolari tra le due località, ma ciò che è determinante per velocità e risparmio energetico è che l’interno del tunnel e i binari delle due stazioni, siano sempre sottovuoto.
Ogni linea deve comunque possedere almeno due binari nelle stazioni ed essere dotata di minimo tre convogli per consentire un efficiente e regolare traffico passeggeri. I treni sono muniti di accumulatori elettrici o meccanici che forniscono la forza motrice ai convogli, una forza motrice in grado di spingere ad alta velocità anche composizioni di notevole peso perché il dispendio di energia durante l’accelerazione viene poi recuperato nel momento della decelerazione. Infatti i motori elettrici, una volta raggiunta la metà del percorso spingendo i convogli, si trasformano in dinamo provocando una decelerazione di intensità pari all’accelerazione.

In considerazione del fatto che i treni si trovano a viaggiare nel vuoto, imprimendo loro un’accelerazione di circa 2 m/s fino a metà del percorso, riescono a raggiungere alte velocità e, una volta lanciati, possono raggiungere in brevissimo tempo la destinazione. Raggiunta la stazione di arrivo, può immediatamente partire un secondo treno e, poiché, la tratta può essere coperta in pochi minuti, l’allestimento interno dei convogli è simile a quello delle metropolitane cittadine.
Naturalmente, perché questo sistema di trasporto sia efficiente, è necessario che le stazioni sotterranee si trovino nel centro delle città, inoltre dovrebbero vedere l’integrazione dei mezzi pubblici di superficie (tram, bus, filobus) per permettere a tutti di raggiungere velocemente qualsiasi punto della città.

nuovo diagramma Immagine.pngan 2

Clicca sull’immagine per ingrandirla

13/08/2015

0.00

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *