LA NASCITA MINIMA GARANTITA

Print Friendly, PDF & Email

La nascita minima garantita per salvare la nostra cultura

La grandezza della cultura italiana. Duemila anni fa l’Impero Romano dominava gran parte del mondo allora conosciuto estendendo la sua influenza su tutta l’Europa, il nord Africa e il Medio Oriente. L’Italia fu il cuore di quella grande civiltà, ma fu anche il cuore del cristianesimo, mentre mille anni dopo fu l’arte italiana a produrre i più grandi geni che il mondo abbia conosciuto, da Dante a Michelangelo fino a Leonardo e Galileo, ma gli italiani che hanno influenzato le sorti della nostra terra, dell’Europa e, qualche volta anche del mondo, sono stati numerosissimi. Da Colombo a Garibaldi, da musicisti della grandezza di Verdi, fino al genio di Marconi, Meucci e Fermi, la cultura e le tradizioni italiani hanno saputo imprimere una forte impronta al progresso mondiale. Ancora oggi, in tempi così difficili per la nostra economia, la nostra moda, la nostra cucina, il nostro artigianato sono degli esempi da seguire e ciò che siamo lo dobbiamo ai nostri avi, alle generazioni che ci hanno preceduto e che hanno saputo trasmettere le loro conoscenze di padre in figlio fino a noi.

La cultura italiana che va scomparendo

Se fino a oggi ci siamo distinti nel mondo in quanto italiani, ora questa nostra italianità viene messa in forse dalle fortissime ondate di immigrazione che hanno interessato e sempre più interessano il nostro paese. Non vi è più una sola cultura, la nostra, ma un insieme di culture lontane che vanno intaccando quelle che sono le nostre tradizioni, il nostro modo di vivere e di sentire. Stiamo perdendo il nostro passato per fare posto a tradizioni che non ci appartengono e ce ne accorgiamo ogni giorno allo spuntare come funghi di ristoranti stranieri, di negozi “esotici” e di attività che ben poco hanno da spartire con la nostra cultura. Di questo passo, tra pochi anni avremo perso persino la nostra celebre tradizione gastronomica e a tutto ciò occorre porre rimedio. Gli stranieri sono bene accetti nel nostro paese, ma il loro ingresso andrebbe centellinato per permettere loro di integrarsi nel tessuto sociale e vivere dignitosamente.

La proposta di Strada14: la nascita minima garantita

 Il movimento, pensando soprattutto ai giovani, che sempre meno decidono di avere figli per la mancanza di sostegni economici e che lasciano agli immigrati il compito di mettere al mondo dei bambini ai quali trasmettono la loro cultura e le loro tradizioni, propone una particolare tutela agli italiani che diventano genitori. Con la proposta denominata Nascita Minima Garantita, Strada14 vuole offrire i mezzi idonei perché gli italiani ritornino a procreare per equilibrare il numero dei nuovi nati, che ora è tutto a favore dei cittadini stranieri. Per consentire alle donne italiane che diventano madri di crescere i propri figli in un ambiente sano e adatto ai piccoli, lo Stato dovrebbe garantire a ogni madre l’assegnazione di un’abitazione, inoltre dovrebbe provvedere all’erogazione degli assegni familiari per ogni nuovo nato per tutta la vita. Anche ai padri dovrebbero spettare tali assegni vita natural durante per ogni figlio riconosciuto. Un provvedimento di tale genere, che assicura un reddito minimo a tutti i genitori, dovrebbe essere inserito nella Costituzione perché, se la legge fondamentale dello Stato garantisce un’entrata minima a chi non ha mezzi di sussistenza, dovrebbe anche garantire un reddito minimo a tutti i genitori italiani.

11/10/2014

0.00

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *