VALORIZZIAMO IL NUMERO CIVICO

Print Friendly

Numero Civico: impariamo a valorizzarlo

Il numero civico è un dato importantissimo per riuscire a orientarsi quando ci si trova in una città che non si conosce e si ha l’esigenza di individuare un determinato immobile. Una delle regole principali che aiuta categorie quali i corrieri, che per lavoro devono consegnare ai destinatari plichi e pacchi in paesi e città che non conoscono, è quella di ricordare che i numeri dispari sono posti sul lato sinistro della via, viale o vicolo, mentre i pari si trovano a destra. Fin qui tutto bene, anche se in alcune località, soprattutto quelle meno popolate, non si segue alla lettera questo criterio e, a volte, si opta per la numerazione progressiva senza distinzione di destra e sinistra. Eccezioni a parte, il problema di riuscire individuare con facilità un edificio nasce dal fatto che occorre conoscere il punto in cui ha inizio la via, infatti se la si imbocca al contrario anche la disposizione dei numeri civici risulta capovolta e quindi ci si può ritrovare a percorrere magari anche qualche chilometro prima di raggiungere il giusto indirizzo. Certo in auto il problema è di scarsa importanza, ma quando ci si sposta a piedi le cose cambiano.

L’importanza dei numeri civici per i non residenti

Quando si giunge in una località che non si conosce, il nome della via e il numero civico sono di basilare importanza per individuare l’edificio nel quale ci si vuole recare quindi, se non si ama viaggiare alla ventura, è indispensabile informarsi sull’ubicazione precisa ancor prima di partire. L’essere informati però non risolve il problema dell’individuazione, soprattutto quando si decide di spostarsi con i mezzi pubblici tra le vie cittadine. Visualizzando attraverso il web o con mappe i percorsi di bus, tram e metro si possono ricavare informazioni circa le zone e le vie che si possono raggiungere, ma si tratta di informazioni di massima. Quello che succede in pratica è che, molto spesso, i turisti e chi giunge in città per la prima volta, si rivolgono all’autista del mezzo per conoscere con precisione la fermata alla quale scendere, perché non sempre si riescono a leggere gli indirizzi sulle tabelle delle fermate. Rivolgersi al conducente per chiedere delucidazioni è vietato per motivi di sicurezza, tuttavia molti lo fanno e gli autisti, seppure spesso si prestino ad aiutare i passeggeri, non sempre sono disposti a fungere da ufficio informazioni.

La soluzione secondo Strada.it

In considerazione del fatto che il turismo è la nostra maggior risorsa economica, Strada14.it ritiene che si dovrebbero fornire ai visitatori il maggior numero di informazioni possibile, comprese quelle che riguardano le ubicazioni di vie e numeri civici. Per questo motivo propone che a ogni fermata dei mezzi pubblici vengano posizionate delle paline di segnalazione in cui compaiano, in lettere di grandi dimensioni, il nome della via o piazza e il numero civico che si trova più vicino alla fermata. Operando in tal modo i turisti non dovrebbero far altro che prestare attenzione al percorso del bus e non avrebbero problemi a individuare la fermata alla quale scendere, inoltre si eviterebbe di disturbare in continuazione i conducenti che devono invece prestare la massima attenzione alla guida. Infine i mezzi di trasporto si potrebbero dotare di video schermi che oltre a indicare il numero civico della prossima fermata potrebbe pubblicizzare, a richiesta degli interessati, il numero civico di una attività commerciale che opera nella zona della stessa fermata.

 21/10/2016

 

0.00