SCAMBIO FERROVIARIO ANTIGHIACCIO

Print Friendly

Il deviatoio antighiaccio per eliminare i ritardi dei treni

Il trasporto ferroviario e le condizioni meteorologiche
Purtroppo l’efficienza dei trasporti ferroviari risente delle condizioni meteorologiche e soprattutto in inverno, quando neve e ghiaccio fanno la loro comparsa, si assiste non solo a rallentamenti e ritardi, ma anche a veri propri blocchi del traffico su rotaia che durano diverse ore e che vedono la soppressione di diversi treni. Il motivo? Il ghiaccio che si forma negli scambi e che impedisce il passaggio da un binario all’altro e, di conseguenza, l’entrata dei convogli nelle stazioni. Quando la temperatura scende al di sotto dello zero la formazione di ghiaccio è un evento comune, ma se esso si forma attorno alle rotaie di un deviatoio diventa impossibile accostare l’ago al binario e quindi gli scambi risultano bloccati. Se poi si assiste a una nevicata, il deviatoio andrebbe ripulito continuamente da neve e ghiaccio e i sistemi di riscaldamento oggi in uso non sono in grado di garantire la perfetta efficienza degli scambi.

Il deviatoio antighiaccio: la soluzione
Che nel XXI secolo una nevicata, neppure abbondante, o una giornata particolarmente rigida, debbano bloccare quasi in toto la circolazione ferroviaria, è spiazzante. Non è possibile che nell’era in cui i treni raggiungono i 500 chilometri orari (anche se noi italiani dobbiamo accontentarci di sfrecciare a circa 300), vedere questi convogli futuristici costretti a rimanere fermi sulle banchine solo perché il termometro è sceso sotto zero.
In effetti la soluzione a questo grave disagio c’è, ed è l’adozione dei deviatoi antighiaccio.
Applicando tale tipo di scambi, non si è più costretti ad accostare l’ago alla rotaia lottando contro il ghiaccio perché viene sostituito completamente dall’ago dell’altro itinerario.

Immagine.png deviatoio modificato

Clicca sull’immagine per ingrandire.

Come funziona il deviatoio antighiaccio
Questo scambio viene montato su un piastrone longitudinale largo una quarantina di centimetri, il piastrone viene poi collocato sulle traversine dei binari. Il suo compito è quello di sostenere con saldature le rotaie di linea e i cuscinetti degli aghi saldati solo da un lato, mentre le estremità opposte degli aghi sono libere di spostarsi trasversalmente di alcuni centimetri. Adottando questo sistema le dilatazioni delle rotaie, dovute alle variazioni termiche, non danneggia lo scambio.

Cuscinetto deviatoio

Clicca sull’immagine per ingrandire.

Con il deviatoio che resiste alghiaccio
Le controrotaie interne vengono montate sui cuscinetti degli aghi e vengono a trovarsi al di sopra degli aghi stessi: riescono così ad assorbire verso l’interno del binario gli urti trasversali provocati dal transito dei convogli e inoltre si crea uno spazio apposito per contenere gli aghi quando si trovano in posizione di riposo. Le controrotaie esterne, invece, oltre a garantire l’instradamento, quando si trovano in stato di riposo assorbono le forze d’urto trasversali dei convogli verso l’esterno.

26/08/2015

0.00